Evelin era la bellissima figlia del re di Giamaica e viveva in una meravigliosa isola circondata dal mare. Tutti i sudditi le volevano bene perché era una principessa buona e gentile, sincera e leale. 
Ma la ragazza, che aveva appena compiuto diciotto anni, da quando era bambina aveva scelto di vivere in un mondo al contrario creato dalla sua fantasia dove quello che desiderava non accadeva mai e quello che non voleva, invece, si avverava.
La ragione è che aveva paura che i suoi desideri non si avverassero, perciò preferiva non averli! Doveva stare quindi molto attenta, perché quello che sarebbe avvenuto era l’esatto opposto di ciò che desiderava con tutto il cuore.

Non era facile. C’era sempre il rischio di ritrovarsi ad avere qualcosa che non voleva e che magari avrebbe detestato!
La sua grande speranza era quella di riuscire a girare il mondo per poter migliorare il suo, ma se l’avesse voluto questo non sarebbe mai successo.
Cosa doveva fare? Doveva decidere intensamente di non muoversi mai da casa sua e di non fare assolutamente nulla. Che guaio! Non poteva partire e doveva rimanere sempre nel suo castello, pensando a tutt’altro.

Così, era diventata molto triste, perché essere costretta a desiderare il contrario di ciò c he sognava era una cosa molto brutta.
Finché un giorno incontrò sulla spiaggia una sirena che le promise che l’avrebbe aiutata.
“Io vivo in fondo al mare”, le aveva detto, “E vedo il mondo da laggiù. Per questo vedo le cose diversamente da te, che vivi sulla terra.”
Allora…

Continua anche tu la storia come hanno fatto i ragazzi della 2D della scuola Forlanini di Sesto San Giovanni al laboratorio!